Lo sport non è violenza e non lo sarà mai

 

L’abbraccio tra la Virtus Rionero e la Normanna Basket Melfi

 

La tragedia che si è consumata domenica scorsa e che ha fortemente scosso la comunità del Vulture-Melfese e della Basilicata non può essere in alcun modo giustificata.

I sentimenti alla base dello sport sono partecipazione, condivisione, sana competizione, rispetto dell’avversario, tolleranza, inclusione. Sentimenti che non hanno nulla a che vedere con la violenza cieca e scellerata.

Come uffici politici territoriali Vulture e Melfese del PD non tolleriamo alcuna strumentalizzazione dell’episodio. Quello che è necessario, ora più che mai, è il rispetto per il dolore che sta riguardando diverse famiglie, nonché la fiducia nella magistratura che dovrà fare il suo corso per ristabilire giustizia e verità.

Non esistono e non sono mai esistite contrapposizioni e rivalità sociali. Lo sport non può e non deve essere usato come strumento di propaganda o regolamento di conti: lo sport deve essere esempio pedagogico soprattutto per le nuove generazioni.

Su questo l’intero territorio del Vulture-Melfese deve fare fronte comune e trovare nell’amore civico la sua qualità più preziosa.

I segretari di Melfi, Rionero, Lavello, Venosa, Ripacandida, Maschito e Montemilone